Nota stampa 5 novembre 2020 - Palazzo Blu

Nota stampa 5 novembre 2020

NOTA STAMPA 5 NOVEMBRE 2020

Nel rispetto delle norme emanate dal nuovo DPCM - che sospende le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei, degli istituti e dei luoghi di cultura su tutto il territorio nazionale, dal 5 novembre al 3 dicembre 2020 - informiamo i visitatori che il museo di Palazzo Blu di Pisa rimarrà chiuso fino a nuova disposizione ed è pertanto sospesa e posticipata a nuova data da destinarsi anche la mostra "DE CHIRICO E LA METAFISICA". La mostra, che è stata completamente allestita nelle sale di Palazzo Blu in vista della imminente apertura al pubblico, prevista per il prossimo 7 novembre 2020, rimane dunque un progetto in essere, in attesa delle nuove disposizioni governative.
Ci auguriamo di poter riprendere quanto prima le normali attività e di potervi accogliere nelle sale di Palazzo Blu di Pisa con una mostra straordinaria che crediamo potrà restituire quel benessere che solo la bellezza può offrire. La cultura ha sempre interpretato le grandi difficoltà dell'umanità, siamo convinti che anche questa volta sarà così e appena possibile tornerà al servizio dei cittadini. Noi ci saremo.

NOTA STAMPA 5 NOVEMBRE 2020

La mostra antologica De Chirico e la Metafisica, allestita a Pisa nelle sale di Palazzo Blu, prevista dal 7 novembre 2020 al 9 maggio 2021, al momento sospesa nel rispetto dell’ultimo DPCM, ripercorre la ricerca, in continua evoluzione, dell’artista, padre della Metafisica.
L’esposizione racconta l’opera del Pictor optimus in un lungo viaggio attraverso immagini e parole; una navigazione fatta di partenze e ritorni, che hanno lasciato tracce profonde lungo l’arco del Novecento e che ancora oggi ispirano le nuove generazioni di artisti. Una mostra che permette di conoscere de Chirico grazie a una serie di disvelamenti che aprono il sipario sui suoi enigmi, consentendo l’accesso al suo labirintico proscenio. Uno degli elementi principali del progetto è la scoperta della collezione personale dell’artista, dei “de Chirico di de Chirico” che sono il fulcro di questa mostra, composta soprattutto da un grande numero di opere provenienti da La Galleria Nazionale di Roma – donate nel 1987 dalla moglie del pittore, Isabella – e dalla Fondazione Giorgio e Isa de Chirico.

Grazie, inoltre, al supporto delle più prestigiose istituzioni nazionali d'arte moderna, come la Pinacoteca di Brera e il Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto (MART), il progetto presenta a Palazzo Blu una serie di assoluti capolavori.
Organizzata da Fondazione Pisa insieme con MondoMostre e curata da Saretto Cincinelli e Lorenzo Canova, con la collaborazione della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico e de La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, l’evento espositivo ha il Patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo, della Regione Toscana e del Comune di Pisa. Il catalogo della mostra è edito da Skira Editore.

La mostra presenta le opere di tutta la prestigiosa carriera dell’artista, seguendo un percorso cronologico che attraversa il lavoro di de Chirico in ogni suo sviluppo, fase e nodi tematici. Il percorso delle opere esposte ha infatti il merito di andare dalle prime opere “böckliniane” della fine del primo decennio del Novecento agli anni Dieci della grande pittura Metafisica; dai capolavori del periodo “classico” dei primi anni Venti della “seconda metafisica” parigina, fino ai Bagni Misteriosi degli anni Trenta, alle straordinarie ricerche sulla pittura dei grandi maestri del passato riscontrabili nelle nature morte, nei nudi e negli autoritratti, realizzati tra gli anni Trenta e gli anni Cinquanta, giungendo all’ultima, luminosa fase neometafisica che recentemente ha riscosso un grande interesse internazionale.
De Chirico immagina vedute di città antiche che si sovrappongono a visioni di città moderne riprese da luoghi di vita vissuta, prima Volos e Atene, poi Monaco di Baviera, Milano, Firenze, Torino, Parigi, Ferrara, New York, Venezia, Roma. Sono luoghi in cui lo spazio pubblico disabitato dall’uomo viene popolato da oggetti – frammenti, rovine, archi, portici, angoli di strade, muri, edifici, torri, ciminiere, treni, statue, manichini – che estraniati dal loro abituale contesto emergono con tutta la loro forza iconica diventando irreali, misteriosi, enigmatici.
La mostra ha anche il merito di rimettere in luce quella che oggi possiamo considerare la disseminazione della visione metafisica che, inventata da de Chirico nel 1910, ha poi portato fioriture internazionali che ritroviamo nelle diramazioni di grandi artisti come Carrà, Savinio e de Pisis, ma anche di Sironi e Martini. Questi artisti, presenti in mostra grazie ad alcuni prestiti, più che formare una scuola o un movimento, hanno saputo recepire e rielaborare in modo personale la potente influenza di de Chirico che, alla metà degli anni Dieci, aveva già prodotto dei capolavori fondamentali per l’arte del Novecento, come, ad esempio le piazze d’Italia, Il Canto d’amore (1914) o Il Vaticinatore (1915).