Domeniche in Jazz: Charles Mingus - Palazzo Blu

Domeniche in Jazz: Charles Mingus

17 Novembre ore 11:00
Musicisti: Silvia Bolognesi & Rossano Emili


Charles Mingus è stato un innovatore e un ribelle del jazz, ma è anche stato il musicista la cui carriera ha attivamente attraversato più epoche della storia di questa musica. Partito da Armstrong e Hampton, attraverso Ellington e il bebop ha poi ispirato e anticipato il free. Contrabbassista magistrale, bandleader e compositore, produttore e organizzatore, Mingus è una personalità complessa e ineludibile per chi ama il jazz. Silvia Bolognesi, la bassista toscana di fama internazionale con cui celebriamo la musica di Mingus ha semplicemente detto “Se suono jazz è perché ho sentito Mingus” e Rossano Emili, uno dei maggiori specialisti europei del clarinetto basso, è stato ispirato a sua volta da uno dei collaboratori chiave di Mingus, Eric Dolphy.


Seconda edizione della “Domenica in Jazz” a Palazzo Blu, ciclo di lezioni concerto della domenica mattina nato dalla collaborazione tra la Fondazione Palazzo Blu e il progetto “Pisa Jazz”, promosso dall’associazione ExWide con il contributo della Fondazione Pisa e del Comune di Pisa Gli incontri saranno condotti da Francesco Martinelli, docente, giornalista e uno dei massimi esperti di Storia del Jazz, e saranno ogni volta accompagnate da musica dal vivo suonata da grandi esponenti del jazz italiano. Quattro monografie su altrettanti artisti che hanno segnato indelebilmente la storia di questo genere musicale.


Francesco Martinelli è una vera istituzione internazionale nell’ambito della storia del jazz. Francesco Martinelli è infatti impegnato fino dagli anni Settanta nella diffusione della cultura jazzistica in Italia come organizzatore di concerti, giornalista, saggista e traduttore, insegnante e conferenziere. Ha collaborato negli anni Settanta alla organizzazione delle memorabili Rassegne Internazionali del Jazz di Pisa, e in seguito ha promosso nella sua città concerti e rassegne tra cui La Nuova Onda, l’Instabile’s Festival, An Insolent Noise. Ha tradotto una dozzina di libri dall’inglese all’italiano, collaborando con Arcana, Il Saggiatore, EDT e con la pisana ETS per la collana Sonografie la cui più recente uscita è un volume su Steve Lacy. Insegna Storia della Popular Music al Conservatorio Bomporti di Trento e Storia del Jazz presso l’Istituto Musicale Mascagni di Livorno e la Siena Jazz University; a Siena Jazz dirige anche il Centro Studi sul Jazz “Arrigo Polillo”, la più ampia raccolta di libri, riviste e registrazioni di jazz in Italia, e dirige la collana di testi jazzistici in traduzione creata in collaborazione da EDT e Siena Jazz. In Settembre a conclusione di un vasto progetto internazionale promosso dall’European Jazz Network è stato pubblicato dalla inglese Equinox il volume “The History of European Jazz – The music, musicians and audience in context”, curato da Martinelli.