Una conversazione sulla New York di Keith Haring e sul resto della scena

Giovedi, 27 gennaio 2022, ore 17:30
Con Arnaldo Testi, professore di Storia degli Stati Uniti presso l’Università di Pisa e Francesco Barbieri, artista e studioso del post-graffitismo.


In auditorium e in diretta streaming dal sito web e dalla pagina Facebook di Palazzo Blu.
Prenotazione obbligatoria tramite Eventbrite.

Una conversazione sull’ambiente in cui si è sviluppata la vicenda personale e artistica di Keith Haring, quindi sulla New York degli anni Settanta e Ottanta, città sull’orlo della bancarotta, colma di tensioni sociali e di violenza ma anche fucina di vitalità e creatività: dalla subway alle gallerie d’arte passando per i clubs. Il tutto visto un po’ da fuori (dallo storico) e un po’ da dentro (dall’artista che da quelle esperienze ha tratto ispirazione).


Francesco Barbieri. Artista contemporaneo e studioso del movimento post-graffiti. Nelle sue opere esplora la marginalità della vita metropolitana, rappresentando le “terre di nessuno” che si trovano ai confini geografici e sociali delle città moderne. Ha lavorato con
importanti istituzioni e gallerie in Cina, Finlandia e Marocco. In Italia è rappresentato dalla galleria La Linea. Il suo sito personale è francescobarbieri.eu.


Arnaldo Testi. È stato docente di Storia americana all’Università di Pisa. Si occupa di storia politica e sociale degli Stati Uniti contemporanei. Tra i suoi libri, “Capture the Flag: The Stars and Stripes in American History” (New York University Press, 2010), “La formazione degli Stati Uniti” (Il Mulino, 2013) e “Il secolo degli Stati Uniti” (Il Mulino, 4° ed. 2022). Commenta gli affari correnti sul suo blog e podcast, Short Cuts America.