Crespina, maiolica

L'esemplare di crespina presenta un tondo a treccia incorniciato al centro in cui si staglia un putto giocoso su paesaggio. Lo stile è quello tipico dei bianchi di Faenza e la data 1593 fornisce un ancoraggio certo

Leggi altro

Stemma del cardinale Giovanni Ricci, marmo

Amico di Cosimo de' Medici, il Ricci favorì la nomina a cardinale del figlio Ferdinando, ottenendone in cambio l'appoggio per l'arcivescovado pisano. Pur non risiedendo a Pisa il Ricci fondò a in città un Collegio

Leggi altro

Fregio a festoni con stemma a martello ed incudine, pietra

Frammento di fregio decorativo festonato in pietra serena, in origine parte di un cornicione architettonico, di provenienza ignota. Il frammento mostra il punto di incontro tra due festoni, caratterizzato da un serto vegetale a fiori

Leggi altro

Crocifisso, legno

Il crocifisso ligneo è un prodotto artigianale di fine Ottocento, inizi XX secolo, che denota una discreta abilità dell'autore, nell'essenziale modellato che mantiene buone le proporzioni e la definizione anatomica, comunque semplificata, con un ricercato

Leggi altro

Composizione con abbraccio e deposizione, bronzo

Silvano Pulcinelli frequentò la scuola d'Arte e Pisa e l'Istituto Magistero d'Arte con la guida di Libero Andreotti. Nel 1940 torna a Pisa, entra in contatto con il movimento antifascista di intellettuali e artisti pisani

Leggi altro

Secondo la consueta immagine dle Cristo in pietà, la figura, lavorata a mezzo rilievo fin sotto il perizoma, presenta la testa leggermente reclinata, gli occhi chiusi, le braccia incrociate sul ventre scoperto e la ferita

Leggi altro

Volto femminile, bronzo

Artista poliedrico, concepì la fotografia, alla quale si dedicò sempre di più dall'inizio del Novecento, non solo come mezzo documentario ma come autonoma forma espressiva. il suo sperimentalismo verso le tecniche artistiche lo portò a

Leggi altro

Coppia di vasi, alabastro

Lodovico del Colombo, appartenne ad una importante famiglia di artigiani e scultori volterrani impegnati nella lavorazione dell'alabastro, di cui probabilmente fu capostipite. La coppia di vasi, eseguiti in pietra alabastro "agata", proveniente dalle cave volterrane

Leggi altro

Atleta a riposo, scultura in bronzo

I caratteri salienti della sua scultura emergono fin dagli anni Trenta e Quaranta in una serie di opere, per lo più busti che ritraggono gente comune, personaggi umili incontrati per le strade di Volterra

Leggi altro

Vasi da farmacia, maiolica

Vasi di antica spezieria in maiolica bianca, di manifattura toscana del XVIII, del tipo denominato albarello, in origine biansato, a due pance, con alto piede modanato e bocca svasata.

Leggi altro

Questa splendida terracotta invetriata, attribuita a Benedetto Buglioni, raffigura il Cristo in Pietà emergente dal sepolcro ed ostendente le stimmate. L'iconografia è strettamente pertinente all'ubicazione originaria: il pisano Monte di Pietà

Leggi altro

Figura di eremita, olio su tela

Tipico esempio di figura sacra a mezzo busto, questo santo o eremita va identificato probabilmente con San Gerolamo o San Pietro. La tela potrebbe essere riferita ad un artista attivo attivo nel diciassettesimo secolo, un

Leggi altro

Paesaggio con figure, olio su tela

Di piccole dimensioni, questo paesaggio non si discosta stilisticamente e tipologicamente dalle soluzioni del paesaggismo seicentesco, soprattutto di matrice fiamminga e olandese.

Leggi altro

Sacra famiglia con angelo e simboli della passione, olio su tela

Dipinto devozionale probabilmente di fruizione privata, la tela di piccole dimensioni richiama il tela della Sacra famiglia, quindi dell'infanzia di Gesù, avvicinandolo a quello della sua Passione.

Leggi altro

Paradiso Terrestre, olio su tela

La tela si ispira direttamente al Paradiso Terrestre del veneto Jacopo Bassano, opera conservata presso la Galleria Pamphili di Roma, della quale tuttavia l'anonimo autore di questo dipinto fornisce una personale declinazione.

Leggi altro

Suonatrice di mandorla, olio su tela

La tela rappresenta una figura femminile riccamente abbigliata, con un gioiello sulla fronte, intenta a suonare la mandorla e in primo piano, sul tavolo, un violino e un archetto visti di scorcio e due spartiti

Leggi altro

Orazione nell’orto, olio su tela

Questa Orazione nell'orto è opera di discreta qualità, costruita sul gioco luministico che connota l'intera composizione.

Leggi altro

San Sebastiano, olio su tela

La tela, di medie dimensioni, probabilmente destinata alla devozione privata, ci mostra il santo raffigurato secondo i consueti tipi giovanili del Lomi: capigliatura arricciata, sopracciglia ravvicinate, zona perioculare ombreggiata, naso lungo e fortemente pronunciato, labbra

Leggi altro

L’Adorazione dei Pastori, olio su tela

L'opera si relaziona con l'Adorazione omonima conservata nella Pieve di Calci: quasi identiche nelle dimensioni, le due opere condividono il soggetto e l'impaginazione costruttiva, sebbene esse siano assai distanti per qualità pittorica.

Leggi altro

L’Annunciazione, olio su tela

La tela, di forte sapore neoquattrocentesco, si colloca nel percorso artistico del pisano Lomi intorno al primo decennio del seicento, sicuramente al ritorno dalla proficua trasferta genovese dell'artista.

Leggi altro
All Rights Reserved